• Italian
Acquista Spazio Pubblicitario

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online

Login Form



Cerca

Accessi al Portale

UNO SGUARDO NELLA STORIA

ImageUn affresco scoperto nel 1879 a Pompei nella Casa del Centenario ed oggi custodito nel Museo Nazionale di Napoli, ritrae Bacco con un enorme grappolo di uva nera ai piedi di un monte isolato che si ritiene sia il Vesuvio. Il Vulcano non sembrava, prima di quell'infausto giorno del 79 d.C, costituire un pericolo per gli abitanti di Pompei. Le sue falde erano circondate da vigne, la sommita' era fitta di boschi ricchi di selvaggina. Spesso infatti sulle anfore vinarie pompeiane ricorreva la scritta "Vesuvinum" e nelle cucine erano talvolta dipinte teste di cinghiale. La citta', fondata dagli Osci, si elevava su un contrafforte, creato da una colata lavica di origine preistorica, solcato dal fiume Sarno che costituiva, per le popolazioni che abitarono la valle, un comodo sbocco verso il mare. Anche se reperti di ceramiche e armi in pietra fanno risalire i primi insediamenti umani all'Eta' del bronzo e del ferro (VIII sec. a. C.), una cinta muraria con blocchi di lava e piccoli nuclei di abitazioni databili tra il VII e il VI sec. a.C., rappresentano la prima testimonianza certa della fondazione della citta'. Questo territorio subi' una doppia egemonia: inizialmente da parte dei Greci che dominavano il golfo di Napoli, poi degli Etruschi signori del retroterra campano e poi di nuovo dei Greci (474 - 425), dopo la sconfitta degli Etruschi a Cuma. Verso la fine del V sec. a.C. la citta' fu espugnata dai Sanniti discesi dai monti dell'Irpinia e del Sannio. Pompei restera' sotto la loro l'influenza per piu' di tre secoli, fino a quando non inizio' la conquista romana della Campania (fine III sec. a.C.) Image e la citta' fu assoggettata, pur mantenendo le proprie istituzioni e la propria lingua. Nell'89 a.C. Lucio Silla poneva l'assedio a Pompei e l'occupava militarmente. Nove anni dopo, nell'80 a.C., quest' ultima divento' colonia romana assimilandone la lingua, i costumi e l'architettura. Nel 62 d.C., insieme  con altre citta' della Campania, fu gravemente danneggiata da un violentissimo terremoto, ma l'opera di ricostruzione inizio' tempestivamente. Pompei era una citta' in piena espansione, con circa 20.000 abitanti, allorquando il 24 agosto del 79 d.C. il Vesuvio si risveglio' e la distrusse insieme con le vicine Ercolano e Stabia. In una famosa lettera che Plinio il Giovane scrisse a Tacito, e' contenuta la descrizione dell'eruzione e della tragica morte di suo zio di cui era ospite: Plinio il Vecchio naturalista e comandante della flotta di Miseno. Uno strato di circa sei, sette metri di cenere e lapilli sommersero la citta' e la maggior parte degli abitanti morirono cercando la fuga lungo la strada che conduceva a Stabia e a Nocera, o per soffocamento nei sotterranei delle loro abitazioni. Numerosi calchi realizzati da Giuseppe Fiorelli, direttore degli scavi nel 1840, versando del gesso liquido nei vuoti lasciati dai cadaveri nel banco di cenere che li aveva sepolti, costituiscono la perenne testimonianza della tragedia.

ImagePompei fu dimenticata fino a quando, tra il 1594 e il 1600, per costruire un canale che portasse le acque del Sarno a Torre Annunziata, si traforo' la collina della "Civita" e si scoprirono le rovine di edifici ed iscrizioni.

Ma fu solo nel 1748, sotto il regno di Carlo di Borbone, che iniziarono le prime esplorazioni. Grande impulso agli scavi fu invece dato nell' 800, mettendo in luce tra il 1806 e il 1832 la maggior parte degli edifici pubblici del Foro e alcuni fra le piu' importanti case private come quella di Pansa, del Poeta tragico e del Fauno.

Col Regno d'Italia nel 1860, la direzione degli scavi fu affidata a Giuseppe Fiorelli che procedette in maniera sistematica, con contemporanei interventi di restauro e protezione dei reperti. Dopo l'interruzione dovuta alla prima guerra mondiale, gli scavi ripresero su vasta scala nel 1924 con l'archeologo Amedeo Maiuri che vi si dedico' appassionatamente per quasi quarant'anni, fino alla sua morte. Tre quinti dell'area della citta', che si estende per 66 ha con un perimetro di mura di m. 3220, e' stata portata alla luce offrendo l'emozionante visione non solo degli edifici, ma anche delle originali decorazioni e suppelettili.

Gli archeologi, in base alla rete stradale, hanno suddiviso tutto l'abitato in 9 regioni e ogni regione in insulae, dando un numero d'ordine progressivo ai vani d'ingresso d'ogni isolato.